Medita alla tua scrivania

L’alba di un nuovo giorno

Ogni momento della nostra vita può essere l’alba di un nuovo giorno, ma l’avvento di un nuovo anno è da sempre un tempo prezioso, di riflessione, di speranza, di trasformazione.
Forse, è il momento dell’anno in cui ci sentiamo più aperti al cambiamento.
Si lascia andare il vecchio anno, magari, dopo aver fatto un bilancio di ciò che abbiamo vissuto, tra eventi positivi e negativi, obiettivi e risultati, qualità della vita, qualità delle relazioni, stato di benessere.
Allo stesso tempo, si pensa a quali sono gli obiettivi per il nuovo anno, io preferisco i buoni propositi.

Si porta l’attenzione su ciò che ci sta più a cuore, su ciò che ci muove nella vita.

È importante avere degli obiettivi, ma questi non devono diventare un qualcosa di imperativo, qualcosa che accieca la nostra mente.
La mindfulness insegna che una delle trappole mentali è proprio la visione a tunnel, cioè guardare unicamente ciò che vogliamo raggiungere. Questo porta ad affrontare la vita guardando solo la meta, senza godersi il viaggio. La mente vede solo la fine, ed esclude tutto il resto, comprese le altre possibilità ed opzioni.
Questo atteggiamento può essere utile nei momenti di crisi o emergenza, ma non può diventare il nostro modus operandi.
Basare la nostra soddisfazione sul raggiungimento di un obiettivo, preclude la possibilità di essere soddisfatti e felici oggi.

Il proposito è invece “ciò che viene posto innanzi”, è dove poniamo la nostra attenzione.
La nostra energia, naturalmente, va là dove portiamo la nostra attenzione, senza dimenticare tutto il resto, senza dimenticare di vivere la vita.
Il proposito mi dà l’idea di qualcosa di più elevato, spirituale, universale, un disegnare con il cuore il nostro intento per migliorare la nostra vita, senza dimenticare coloro che viaggiano insieme a noi, ricordando che siamo parte di un Tutto inscindibile.

Sia l’obiettivo che il proposito hanno come radice la consapevolezza di sé.

Diventa importante quindi comprendere chi siamo e da dove muoviamo i primi passi verso il nostro obiettivo o proposito, capire quali sono i nostri valori, le nostre priorità, le nostre potenzialità, sapere cosa è veramente importante per noi stessi e la nostra vita, in modo da non porci delle mete futili, illusorie.
Se sappiamo ascoltarci, possiamo riconoscere quali sono i nostri bisogni reali e come soddisfarli, favorendo il nostro benessere. Non dobbiamo mai pensare al benessere come a qualcosa di statico, ma a qualcosa di estremamente dinamico, perché la dinamicità, quale sinonimo di vitalità, elasticità permette di adattarsi continuamente alle nuove esigenza sia interne che esterne che emergono.

La consapevolezza ci aiuta ad esprimere il nostro proposito, a godere del viaggio nel raggiungimento della nostra meta, consapevoli che il viaggio può essere già la meta stessa.

Come scrive Jon Kabat-Zinn “ovunque tu vada, ci sei già!” perché la vita, quella vera, è nel qui e ora. Sempre!

Buon nuovo giorno!

Pubblicazioni

Proposte Benessere

Naturopatia Olistica

Che cos’è la Naturopatia e di cosa si occupa? Secondo quanto enunciato nel 2010 dall’Organizzazione Mondiale della Salute, …

Riflessologia Podalica Olistica

La riflessologia podalica olistica è uno strumento sia di analisi che di trattamento. I piedi pur essendo una piccola parte del corpo umano, rappresentano l’individuo nella sua ……

Iridologia Olistica

L’Iridologia Olistica è “l’arte” che osserva i segni, le anomalie, i fenomeni, i colori e le architetture dell’occhio, per comprendere lo stato fisico….. 

Touch For Health

La Kinesiologia Specializzata è un metodo olistico che prende in considerazione la persona nella sua totalità corpo, mente, emozioni. Integra le conoscenze moderne……

Fiori di Bach

I fiori di Bach sono una “terapia vibrazionale-energetica” messa a punto da Edward Bach. I fiori di Bach sono delle “lanterne” che aiutano a comprendere se stessi,…….

Percorsi del Sé

Lo yoga, la meditazione, la mindfulness, lo yogaterapia, il rilassamento guidato sono percorsi del Sé che ci conducono alla porta di noi stessi.